INCONTRI CON LE
RICERCATRICI

CONOSCIAMO E PARLIAMO CON CHI DA ANNI

STUDIA PER IL MONDO LA REALTA' DEI

CAMBIAMENTI CLIMATICI

 

​UNA PREMESSA IMPORTANTE

Multiforme e variegata, la comunità scientifica è una comunità ben particolare. Composta da centinaia di migliaia di persone è organizzata in gruppi relativamente piccoli, ma capaci di collaborare (e competere) attraverso distanze intercontinentali. La rete della ricerca infatti è estesissima, dall’India agli Stati Uniti, ed i campi di indagine sono altrettanto vasti. In questo caso ci limitiamo a coloro che sono coinvolti nello studio del Clima, ma che include esperti di scienze anche molto lontane e diverse. E’ facile capire come quindi la scienza si esprima come un coro più che come una voce unitaria e spesso possono anche insorgere discussioni interne e diatribe scientifiche. 

 

Ma cosa fa di queste migliaia di persone una "comunità", nonostante vivano spesso in Paesi diversi, con lingue, religioni e culture profondamente differenti? La comunità si regge sull’adesione a un metodo di lavoro, che è il metodo scientifico, lo stesso elaborato originariamente da Galileo Galilei. I ricercatori comunicano moltissimo fra loro e il più importante mezzo di comunicazione sono le riviste scientifiche in cui sono pubblicate le nuove scoperte. Lungi dal limitarsi a sommarie conclusioni, questi lavori presentano nel dettaglio metodi utilizzati, esperimenti condotti, risultati ottenuti sotto forma di grafici o immagini. In questo modo l’intera comunità può giudicare l’attendibilità e il valore della scoperta e ripetere gli stessi esperimenti, per approfondire ulteriormente la ricerca o eventualmente smentirla.

Mentre invece annunci sensazionalistici non supportati da alcuna prova non sono notizie scientifiche e non saranno mai pubblicati. L’aspetto più bello è che queste riviste sono oggi disponibili in Internet, e quindi è possibile per qualunque ricercatore informarsi ogni giorno sui progressi compiuti magari dall’altra parte del mondo.

Vogliamo presentarvi alcuni esponenti di questa comunità che conoscerete di persona.

Chiara Servolini
IMG-20190904-WA0003.jpg

Dal 2005 è responsabile della sezione didattica dell’Acquario Civico di Milano per conto di Verdeacqua di cui è socia e parte del Consiglio Di Amministrazione. Laureata a pieni vori presso la facoltà di Scienze Naturali dell’Università Statale di Milano, ha collaborato anche alle campagne naturalistiche come ricercatrice per lo studio della balenottera comune in Mar Mediterraneo con l’Istituto Tethys. Formatrice per l'uso del metodo scientifico applicato in classe, ha collaborato con l'Università Cattolica di Milano – CREMIT.

Serena Giacomin
IMG-7442.JPG

Fisica, con indirizzo in Fisica dell’Atmosfera. Meteorologa senior di Meteo Expert, certificata secondo la normativa WMO (World Meteorological Organization). Climatologa e presidente dell’Italian Climate Network, associazione onlus attiva per contrastare il cambiamento climatico. Consulente manageriale per la gestione del rischio climatico. Conduce le rubriche di previsioni meteo e di approfondimento ambientale in onda sui canali Mediaset e radio nazionali. Autrice di numerosi testi per De Agostini e Garzanti.

Marina Costa
Fototesseara1_MCOS.jpg

Biologa con più di 20 anni di esperienza nello studio dell’ambiente marino. I suoi temi di ricerca riguardano principalmente la conservazione di mammiferi marini. In quest’ambito possiede un’esperienza decennale sui modelli per la valutazione delle stime di abbondanza e della distribuzione dei cetacei. È coinvolta in progetti a supporto dell’implementazione della Strategia Marina e della Convenzione sulla Diversità Biologica nei mari italiani, Europei ed extra-Europei.

Patrizia Digiovanazzo
pat digiovi.jpg

Laureata in Scienze Naturalistiche e Ambientali all'Universitò degli Studi di Milano, consegue un Dottorato di Ricerca. Lavora come libera professionista collaborando con enti pubblici e privati, a vario titolo: coordinamento di progetti di riqualificazione naturalistica, piani di monitoraggio, studi floristico-vegetazionali. Da alcuni anni è incaricata da ERSAF Lombardia nell'ambito del Progetto Life Gestire 2020, inerente la conservazione di habitat e specie animali e vegetali nelle aree protette lombarde.

MOMENTI SALIENTI